Sei qui: Andrea Gavardi | SEO Specialist » SEO - Search Engine Optimization » Consulenza SEO: come funziona?

Consulenza SEO: come funziona?

consulenza SEO

In questo articolo voglio spiegarti come funziona una consulenza SEO e cosa dovresti aspettarti dall’agenzia o dal consulente che eroga questo tipo di servizio.

L’obiettivo di una consulenza SEO è quello di evidenziare, attraverso un’analisi dettagliata, i punti di forza e di debolezza del tuo sito web e di definire gli aspetti su cui intervenire per migliorare il ranking, il traffico organico e le conversioni al sito.

Avere una visione specifica e mantenere in buona salute il tuo sito web dovrebbe essere uno dei punti cardine della tua strategia di Digital Marketing. La SEO, essendo uno strumento orizzontale, interviene su molti aspetti legati al marketing ed è pertanto un punto fondamentale su cui lavorare.

Una piccola premessa: questo articolo, vuole semplicemente darti un’idea a grandi linee di come funziona una consulenza SEO e come dovrebbe essere svolto indicativamente un lavoro di questo tipo. Non vuole assolutamente sostituirsi alle procedure adottate dal professionista a cui ti sei affidato, il quale potrebbe seguire approcci differenti da quelli presentati. Di base infatti, se ti affidi ad un’agenzia o a un consulente SEO, dovresti fidarti di lui: la riuscita del lavoro infatti dovrebbe essere l’ interesse comune di entrambe le parti, ossia del fornitore che del cliente.

Come funziona una Consulenza SEO: i punti cardine

Entrando nel vivo dell’argomento, ritengo che si potrebbe dividere la consulenza SEO in quattro aree di intervento articolate nel seguente modo:

  • Definizione degli obiettivi tramite un brief di progetto
  • SEO Audit e Analisi dei Competitor
  • Analisi statistica dei dati a disposizione
  • Proposta strategica e definizione degli interventi da implementare
consulenza SEO come funziona

Generalmente tutti i punti esposti, in un modo o nell’altro, sono presenti in quasi tutte le analisi effettuate da agenzie web ed esperti di settore, salvo situazioni o condizioni particolari. Ovviamente quelli indicati non sono compartimenti stagni e le azioni devono essere svolte in modo incrociato. Iniziamo dal primo riquadro.

Il Brief e l’obiettivo della consulenza SEO

Prima di svolgere qualsiasi tipo di azione è necessario pianificare un brief approfondito tra te, il tuo team e il consulente SEO con cui hai scelto di lavorare. 

consulenza SEO brief

Tramite il brief è possibile capire:

  1. il motivo della consulenza
  2. il progetto nella sua interezza
  3. l’obiettivo e le aspettative della consulenza

Il motivo della consulenza

Per un consulente SEO è infatti importante capire perché è stato contattato e soprattutto a che punto del progetto. 

I motivi che dovrebbero spingerti a contattare un’agenzia o un SEO Specialist potrebbero essere infatti diversi:

  • devi debuttare online con il tuo sito e non vuoi fare errori
  • ti sei accorto che la migrazione SEO fatta, a causa di un rifacimento sito o di un semplice cambio di layout e strutturale, ha generato una perdita di traffico, ranking e conversioni e ora vuoi rimediare
  • sei consapevole dell’importanza della SEO nell’ecosistema del Digital marketing e vuoi affiancarla a ciò che stai già facendo
  • Sei semplicemente curioso di sapere se il tuo sito web è in salute

Come puoi intuire le motivazioni possono essere diverse e tutte molto valide. A seconda del momento in cui contatti un esperto SEO gli approcci tecnici e le strategie adottate potrebbero però variare.

Ad esempio è chiaro che le attività che devono essere svolte su un sito che deve ancora nascere ed essere sviluppato sono ben diverse rispetto a quelle da effettuare su un sito che ha fallito una migrazione SEO.

La descrizione del progetto

É chiaro che raccontare e descrivere la tua azienda, cosa fa, come si affaccia sul mercato, chi sono i suoi competitor, l’ambito di azione, i servizi, i prodotti e tutte quelle informazioni che ti sembreranno scontate e banali sono invece preziose per l’agenzia o il professionista con cui stai lavorando.

Può capitare che dai dettagli nascano chiavi di lettura e strategie che accendono la lampadina del tuo referente e che possono cambiare il destino di un progetto.

Gli obiettivi e i desiderata del progetto

Un brief ben fatto non aiuta quindi solo ad avere una panoramica del progetto ma ti permette di definire con il tuo referente anche gli obiettivi da raggiungere ed esprimere meglio le tue aspettative e i vari desiderata

  • Che cosa ti aspetti dalla consulenza SEO?
  • In quanto tempo vorresti o pensi di ottenere dei risultati?
  • Hai compreso realmente i tempi e le difficoltà di una strategia SEO?

Questi sono tutti punti da discutere in fase di brief per evitare situazioni spiacevoli al termine della lavorazione.

SEO Audit

Dopo aver svolto il brief e aver definito gli obiettivi della consulenza SEO si passa alla parte di analisi ovvero il SEO Audit.

Le fasi del SEO Audit

L’Audit è un’analisi SEO dello stato dell’arte del sito dal punto di vista principalmente tecnico. In questa fase si cerca di delineare la salute del sito e come questo si “comporta” nelle varie fasi di scansione, indicizzazione e posizionamento.

Il primo step serve proprio ad accertarsi che il sito sia scansionabile da Google e che non esista nessun blocco tecnico che non ne consente la scansione da parte di Google Bot e quindi la relativa indicizzazione. Sembrerà ovvia come cosa ma ci sono tantissimi siti che non sono raggiungibili dagli spider dei motori di ricerca a causa di errori causati in fase di manutenzione o di migrazione (esempio robots.txt bloccato).

Studio dei Competitor e Keyword Research

In questa fase, grazie alle informazioni emerse nel brief con il tuo consulente SEO, vengono analizzati i tuoi competitor.

I competitor possono essere reali o percepiti. I primi sono presenti realmente nelle SERP e competono per i tuoi stessi argomenti e chiavi di ricerca. I secondi possono essere ad esempio competitor storici il cui peso online non è rilevante per la tua attività.

Non sempre infatti il nome più autorevole è per forza quello meglio posizionato e visibile online. Spesso infatti ti sarai stupito della presenza di attività appena nate o più piccole della tua che in pochi anni hanno raggiunto grande visibilità grazie ad azioni di Digital Marketing ben mirate.

Inoltre, approfittando dello studio dei competitor si intuisce come si muove il mercato, chi sono i player del settore, come curano la SEO, per che parole chiave si posizionano e che strumenti ulteriori di promozione utilizzano (Social, Google Ads). 

Da questo, a seconda della tipologia di lavoro che si deve svolgere, è possibile iniziare a fare Keyword Research e a studiare i topic, le parole chiave e relative intenzioni di ricerca, che torneranno utili per attività future.

Analisi SEO On Site

La SEO On Site, prende in considerazione tutti gli aspetti legati al codice del sito e ai suoi contenuti. Nello specifico:

  • studio dell’architettura del sito
  • velocità del sito
  • presenza di errori rilevanti
  • internal linking
  • aspetti tecnici (gestione SSL, alternate hreflang, canonical ecc ecc)
  • studio dei contenuti (qualità, profondità dei testi, quantità, studio del Search Intent etc)
  • organizzazione SEO On page (header tag, title, description ecc ecc)

Analisi SEO Off Page

In questa fase della consulenza SEO vengono analizzati i link in ingresso al sito e si verifica la loro qualità e la quantità.

Lo studio dei backlink è utile per comprendere:

  • se il sito ha contenuti di valore e quindi viene linkato naturalmente
  • se sono state fatte attività di Link Building al fine di aumentare l’autorevolezza 
  • se sono state svolte attività volute (negative SEO) o non volute che stanno inficiando sul traffico e sull’autorevolezza del tuo progetto web

Tramite l’utilizzo di strumenti esterni come Ahref o Sem Rush o interni come Search Console e Google Analytics vengono incrociati i dati per tracciare una panoramica completa.

Analisi delle Statistiche

Online è praticamente tutto tracciabile e il tuo sito dovrebbe avere almeno il codice di Google Analytics per monitorare le visite e il comportamento degli utenti.

analisi statistiche SEO

In questa fase dell’audit il SEO Specialist analizzerà i dati per comprendere:

  • quanti utenti visitano il sito e il tempo di permanenza
  • quali sono i maggiori canali di traffico
  • se il tuo sito converte (dovresti sempre monitorare il tracciamento delle conversioni tramite eventi e/o obiettivi)
  • l’andamento del sito stesso nel tempo

Questi dati saranno poi incrociati con quelli di Google Search Console che fornisce dati approfonditi sullo stato di indicizzazione del sito, sugli errori, sui nuovi parametri dei Web Vitals, sulle query e sui link in ingresso.

Oltre alle statistiche relative al traffico, verrà studiato e verificato il posizionamento del sito nelle SERP in modo da comprendere con quanti e quali parole chiave il sito è già posizionato, su che motori di ricerca (Google Italia o varie versioni estere) , se sono keyword di interesse e che volumi medi mensili hanno.

La Proposta Strategica

Lo studio fatto fino ad ora non è fine a sé stesso ma serve per generare un miglioramento complessivo del progetto. A seconda del motivo per cui hai contattato il consulente SEO ti verrà fornita una proposta strategica e una lista di attività su cui intervenire.

consulenza SEO e proposta strategica

Se il tuo obiettivo era comprendere lo stato di salute del sito, con uno studio una tantum, ti troverai in mano un documento con le un elenco di criticità individuate e le attività da implementare per sistemarle.

Se invece vuoi partire con un progetto più complesso e duraturo oltre all’Audit ti verrà proposta una strategia SEO su un arco temporale definito per iniziare a crescere sui motori di ricerca. La strategia, non riguarderà solo la parte tecnica, ma anche quella contenutistica legata all’ottimizzazione dei contenuti.

Come scegliere un consulente SEO

Come hai capito il consulente SEO è la figura professionale esperta nell’ottimizzazione dei motori di ricerca che è in grado di implementare una serie di attività volte a migliorare il ranking e la relativa visibilità di un sito web su Google. Il termine consulente spesso viene utilizzato per riferirsi a colui che lavora come libero professionista. Chi lavora nel team di un’agenzia web invece viene chiamato generalmente SEO Specialist. Per approfondire leggi l’articolo su cosa studiare per diventare SEO Specialist.

A prescindere dal nome utilizzato, questa figura dovrebbe avere diverse competenze, spesso trasversali, che riguardando:

  • conoscenze analitiche
  • informatiche e tecniche (html, css ecc)
  • la conoscenza di almeno uno dei CMS più conosciuti
  • strategiche e di web marketing

Quando scegli un consulente SEO dovresti cercare di capire:

  • in che eventuale branca della SEO opera: è specializzato nella SEO Locale? Nell’E-commerce? Oppure nella Link Building?
  • se ha esperienza pregressa nel settore in cui opera il tuo business
  • se ha delle referenze e dei clienti già soddisfatti del suo lavoro
  • opera secondo etica e non svolge attività borderline come attività di black hat
  • se promette risultati. Se dovesse mai garantirti posizionamenti in prima pagina, un numero di conversioni definite o crescite di traffico esorbitanti, stanne alla larga. Si possono eventualmente definire degli obiettivi o dei desiderata, ma mai risultati garantiti.

Per approfondire l’argomento, Google ha creato una guida alla scelta di un esperto SEO, molto utile per chi non è del settore per aiutarti a scegliere la persona giusta per le tue esigenze.

Il contratto di consulenza SEO

Come definito nei primi paragrafi, a seconda della richiesta fatta, verrà pianificato dal professionista scelto il tipo di intervento e il relativo contratto di consulenza SEO. Una collaborazione potrebbe essere “una tantum” per l’analisi di una problematica specifica oppure continuativa con termini mensili o annuali.

Nella scelta, cerca di tenere a mente i consigli indicati poco sopra e valuta bene se il contratto proposto è chiaro e non presenta clausole troppo vincolanti o particolari che non ti rendono sereno nell’acquisto del servizio.

Conclusione

In questo articolo ti ho spiegato a grandi linee come funziona una consulenza SEO. A seconda dello stato del progetto e della necessità gli approcci adottati potrebbero essere differenti, ma sicuramente troveranno diversi punti comuni con quanto appena esposto.

É doveroso sottolineare però che la SEO è solo una branca del Digital Marketing utile al raggiungimento della visibilità online. Per avere un progetto web completo e ben strutturato, questa dovrebbe essere integrata ad altre soluzioni come le Google Ads, l’email marketing o le campagne Social.

Informazioni sull'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su